Serve aiuto? Scrivici a: [email protected] | Lun – Ven dalle 9:00 alle 18:00
  • Spedizione gratuita in tutta Italia
  • Spedizione gratuita in tutta Italia

Caterina

Beauty Expert

Caterina

Beauty Expert

Vaporizzatore per la pulizia del viso, come scegliere il migliore?

Come ti spiegavo nel mio articolo dedicato alla crema per punti neri, l’impiego di Xpores nella lotta ai comedoni aperti deve essere considerato come parte integrante di una beauty routine più ampia e di un novero di strumenti che consentano di massimizzare l’azione esercitata dall’aspiratore per punti neri.

L’azione meccanica esercitata da Xpores nel processo di rimozione dei comedoni aperti e di ricompattamento dell’epidermide, acquista infatti una valenza assoluta se viene sapientemente combinata con una pulizia del viso in grado di limitare gli inconvenienti e di prevenire le recidive.

Per questa ragione, ribadisco, è sempre consigliabile l’adozione di una buona crema idratante in sede di post-utilizzo del dispositivo, onde evitare la comparsa di rossori imprevisti e di prevenire una nuova occlusione di quei micro-pori cutanei che avevano dato origine ai punti neri.

Se la crema per punti neri rappresenta dunque la necessaria conseguenza del processo estrattivo, cosa potremmo impiegare prima dell’aspirazione per migliorare gli effetti di Xpores?

Un vaporizzatore per pulizia del viso aiuta Xpores!

vaporizzatore per pulizia del viso

Nel corso di questo articolo ti illustrerò nel dettaglio tutti i vantaggi connessi con l’impiego di un vaporizzatore per la pulizia del viso, tanto in un’ottica generale, quanto in particolare riferimento alla sua azione congiunta con Xpores.

Il vaporizzatore per la pulizia del viso non rappresenta infatti soltanto uno strumento quasi indispensabile per garantire una perfetta traspirazione dei pori cutanei, ma un doveroso atto preparatorio per tutti coloro che si apprestano ad utilizzare un aspiratore per punti neri.

Utile in senso assoluto e quasi indispensabile per tutti coloro che vogliono rimuovere per sempre gli odiati comedoni aperti, il vaporizzatore per la pulizia del viso è dunque una sorta di sacro Graal per tutti coloro che si trovano a soffrire di problematiche cutanee (soprattutto facciali), legate alla difficoltosa dilatazione dei pori che consentono la traspirazione della pelle.

Come funziona un vaporizzatore per la pulizia del viso?rappresenta

Come ti ho già spiegato a più riprese, il nostro tessuto epidermico rappresenta la principale difesa presente nel nostro corpo per impedire l’aggressione di elementi patogeni e per eliminare, al contempo, tutti i prodotti di scarto e le tossine prodotte a partire dal nostro metabolismo.

Senza che noi ce ne possiamo minimamente accorgere, la nostra pelle svolge un’azione salvifica, filtrando tutto ciò che risulterebbe ampiamente sgradito al nostro sistema immunitario ed espellendo ciò che, invece, viene considerato superfluo per la nostra sopravvivenza.

Questa duplice azione di filtraggio ed espulsione è resa possibile a partire dalla presenza di minuscoli forellini, chiamati pori, che rappresentano la prima barriera del corpo nei confronti del mondo esterno.

I pori “respirano” in continuazione, dilatandosi e rinchiudendosi come minuscoli alveoli polmonari.

Quando questo meccanismo entra in sofferenza, può agevolmente accadere che i pori si trasformino nel luogo ideale per la proliferazione di germi, batteri e per gli odiatissimi accumuli di sebo che danno origine ai punti neri.

Le ragioni che portano i pori a perdere la loro elasticità sono molteplici e di varia natura, ma l’effetto risulta sempre identico: i micro-forellini che compongono il tessuto epidermico cessano di aprirsi e chiudersi a dovere, terminando così la loro funzione di filtraggio ed espulsione.

La formazione di un punto nero sull’epidermide è, in quest’ottica, la spia del fatto che qualcosa è andato storto: un poro cutaneo ha smesso di aprirsi e chiudersi ed è rimasto intasato dagli accumuli di sebo prodotti a partire dalle ghiandole sebacee che si trovano in prossimità della zona.

I punti neri sono campanelli d’allarme

Vaporizzatore viso

Oltre che estrarre gli accumuli di sebo presenti all’interno dei comedoni aperti e ricompattare un tessuto epidermico palesemente in sofferenza e privo della sua naturale elasticità, occorre dunque non trascurare quella fatidica spia e soffermarsi sulle ragioni che hanno prodotto la problematica.

Se i nostri pori hanno cioè smesso di funzionare a dovere, è nostro compito cercare di ripristinare la loro naturale funzione, di modo da impedire recidive e di facilitare, al contempo, l’azione estrattiva esercitata da Xpores Mini Cleaner.

Risulta evidente che dei pori sapientemente dilatati, saranno quindi più inclini all’estrazione degli accumuli di sebo al loro interno e che proprio la capacità di aprire dei forellini ormai chiusi e bloccati rinvigorisce il tessuto epidermico.

Per ottenere questo effetto, il migliore strumento a nostra disposizione è rappresentato dal vaporizzatore per la pulizia del viso.

Un vaporizzatore per la pulizia del viso è un semplice strumento che sfrutta la capacità vaso-dilatatrice del vapore per favorire la naturale riapertura dei pori cutanei, senza che alcun elemento chimico o cosmetico subentri nel processo.

Esponendo il volto a sedute a sessioni mirate di vapore, l’azione combinata del caldo e dell’umido andranno immediatamente a rilassare i tessuti e a dilatare quei minuscoli pori cutanei che si trovavano chiusi a causa del sebo presente al loro interno.

Come saprai senz’altro, in base ad infinite esperienze dirette o ai ricordi dei tuoi studi scolastici, il caldo possiede la capacità di dilatare i tessuti che presentano al loro interno molecole disposte in una prossimità tale da consentire il loro distanziamento.

Il caldo, cioè, dilata la materia (soprattutto se umido!), favorendo l’allontanamento temporaneo tra le molecole che compongono una determinata superficie, mentre il freddo, al contrario, compatta gli elementi e favorisce la prossimità tra le molecole stesse.

Non è dunque sufficiente effettuare una sessione di suffumigi o esporre il volto ad un ambiente caldo e umido per ottenere l’effetto desiderato?

Ti starai domandando.

No, perché un b è studiato per rispettare le strutture epidermide e basa la sua azione su una quantità di vapore studiata ad arte.

Come funziona un vaporizzatore per la pulizia del viso

A differenza dei sopracitati suffumigi, che producono una quantità di vapore dalla temperatura incostante (generalmente prossima ai 45 gradi centigradi), il vaporizzatore per la pulizia del viso produce un’azione costante e mirata alla salvaguardia del tessuto epidermico.

Se una sauna o dei suffumigi producono, cioè, l’effetto di far sudare il volto e di dilatare i pori occlusi, i due rimedi raggiungono l’obiettivo in modo aspecifico, non essendo (né uno, né l’altro) ideati per la pulizia del viso, ma per scopi del tutto differenti.

La dilatazione dei pori cutanei effettuata in assenza di un vaporizzatore per la pulizia del viso rischia cioè di mettere in atto un’azione troppo generica, che finirebbe con il non riuscire ad aprire i pori maggiormente occlusi, o, al contrario di rilassare troppo la struttura epidermica del volto.

La sauna è infatti ideata per favorire la traspirazione del corpo intero, mentre i suffumigi sono un rimedio per liberare le vie respiratorie dal muco: nessuno dei due possiede una valenza specifica rivolta alla dilatazione dei pori facciali.

Il vaporizzatore per la pulizia del viso, al contrario, è appositamente studiato per garantire il giusto afflusso di vapore alla giusta temperatura e per garantire una dilatazione dei pori e una sudorazione ottimale rivolta alla salvaguardia dell’epidermide del volto.

Il vaporizzatore per la pulizia del viso è un rimedio specifico

Il vaporizzatore per la pulizia del viso basa il suo funzionamento su un’azione intensa, ma dolce, che garantisce la massima apertura dei pori, preservando la pelle da effetti indesiderati che potrebbero manifestarsi a seguito di un’esposizione al vapore troppo intensa o dalle temperature troppo elevate.

Incanalando solo la quantità di vapore necessaria al processo sulle aree del volto preselezionate, il vaporizzatore garantisce pienamente una profonda pulizia del viso in grado di preservare l’epidermide da traumi imprevisti.

Il vaporizzatore per la pulizia del viso si compone di un piccolo serbatoio, dove ha luogo la vaporizzazione dell’elemento liquido, e di un beccuccio direzionale che convoglia gli effluvi in direzione dell’area selezionata del volto, tralasciando di surriscaldare le parti del corpo in cui la dilatazione non è necessaria.

Per godere dei benefici del vaporizzatore per la pulizia del viso è sufficiente ricaricare il serbatoio, seguire le istruzioni e orientare il getto di vapore in direzione delle aree del volto che intendiamo pulire e dilatare.

A prescindere dalle specifiche funzioni dei dispositivi presenti in commercio, i vaporizzatori per la pulizia del volto basano il loro funzionamento sulla capacità di mantenere l’erogazione alla temperatura costante compresa tra 40 e 45 gradi e sulla capacità, da parte dell’utente, di tenere il viso ad una distanza di circa 25 cm dal dispositivo per tutta la durata del processo.

Seguendo delle semplici raccomandazioni, risulterà possibile ottenere un gradevole effetto, che consente una piena dilatazione dei pori cutanei e una sudorazione atta ad eliminare scorie e tossine attraverso la naturale traspirazione della pelle.

Vaporizzatori per punti neri: le tipologie in commercio

Fermo restando il funzionamento dei dispositivi basato sul fulcro legato all’emissione di vapore, in commercio esistono differenti tipologie di vaporizzatori per la pulizia del viso, rivolte a differenti esigenze estetiche ed economiche.

Navigando online si possono agevolmente trovare vaporizzatori per la pulizia del viso professionali, vaporizzatori economici, vaporizzatori da viaggio e chi più ne ha, più ne metta.

Una volta spogliati i vaporizzatori per la pulizia del volto dal loro packaging e dalle esigenze di marketing che influiscono in modo sensibile sul prezzo finale del dispositivo, le reali differenze sono da rintracciarsi nella presenza di ozono e/o di ioni attivi nel getto di vapore erogato.

Se il vapore, ottenuto mediante il surriscaldamento di una soluzione acquosa contenente aromi ed essenze, possiede di per sé una valenza purificatrice, alcune scuole di pensiero, piuttosto in auge, ritengono che l’azione del getto possa venire implementata dal ricorso all’ozono e/o degli ioni.

Ozono e ioni servono davvero?

Il ricorso all’ozono (in chimica O3) viene impiegato sulla base della convinzione che l’ozono riesca a permeare maggiormente in profondità le strutture dell’epidermide, rispetto alle comuni molecole di ossigeno, e a garantire, dunque, un maggior livello di pulizia della pelle e una completa eliminazione della fauna batterica che si annida in prossimità dei pori.

Non del tutto provata, la tesi incentrata sull’ozono, trova il suo punto debole nel fatto che la triplice molecola di ossigeno possiede un potenziale ossidante molto più elevato, rispetto all’ossigeno, e che esiste la possibilità che un uso eccessivo di ozono possa alla lunga interferire con il collagene, favorendone l’ossidazione.

Discorso analogo vale per gli ioni, il cui potenziale risulta maggiore, in relazione alla penetrazione del tessuto epidermico, senza che tuttavia siano mai state provate evidenze nette nel processo di pulizia del volto, né a favore, né contro il loro utilizzo.

Ozono o meno, ioni o non ioni, la scelta di un vaporizzatore per la pulizia del viso dovrebbe ricadere su un dispositivo sicuro ed affidabile, in grado di garantire il risultato, senza effetti collaterali.

Per ottenere tutto questo, assicuratevi che il vaporizzatore per la pulizia del viso che vi apprestate ad acquistare mantenga effettivamente la temperatura dell’erogazione costantemente compresa tra i 40 e i 45 gradi centigradi.

Un eccessivo surriscaldamento o la perdita di calore repentina del getto di calore sono i due inconvenienti che rischiano di mettere a rischio la vostra pulizia del volto, dal momento che del vapore troppo caldo rischia di danneggiare i capillari del viso, mentre un getto troppo tiepido potrebbe non raggiungere l’effetto sperato.

Evitate dunque di scegliere il primo dispositivo in cui vi siete casualmente imbattuti, ma effettuate una ricerca accurata, bilanciando la vostra disponibilità economica con l’acquisto di un prodotto realmente di valore.

Il vaporizzatore aiuta Xpores a raggiungere l’obiettivo

Come ampiamente premesso, un buon vaporizzatore per la pulizia del viso è il miglior alleato possibile di Xpores e della vostra epica battaglia contro i punti neri.

Grazie alla dilatazione dei comedoni aperti, effettuata prima dell’utilizzo dell’aspiratore, il processo estrattivo risulterà molto più agevole e i possibili inconvenienti verranno notevolmente ridotti.

In base a quanto spiegato poc’anzi, risulta evidente che estrarre degli accumuli di sebo da micro-pori sapientemente dilatati tramite il vapore, risulta un’operazione estremamente più semplice, rispetto al suo corrispettivo “a secco”.

Meno sforzo deve compiere Xpores Mini Cleaner per assorbire il sebo, minore sarà la possibilità legata alla comparsa di un lieve rossore in sede di post-utilizzo, dato che il rossore è proprio legato ad un processo aspirativo reso difficoltoso dalla secchezza della cute e dalla totale occlusione dei pori che la compongono.

Il mio consiglio è dunque quello di inserire un vaporizzatore per la pulizia del viso nella vostra beauty routine quotidiana e di godere dei benefici derivanti dall’azione congiunta esercitata con Xpores Mini Cleaner.

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su telegram

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su telegram
Aspiratore di punti neri

Cambia il modo di pulirti il viso

Xpores è un prodotto che, attraverso una particolare aspirazione, è in grado di rimuovere le impurità della pelle (nello specifico i punti neri). È progettato per rendere la cute più pulita e libera da imperfezioni.

Xpores estrattore di punti neri

La pulizia del viso profonda, facile.
Da oggi a casa tua.

Xpores è l’innovativo aspiratore che elimina i punti neri e ti assicura una beauty routine efficace e senza stress. Risultati professionali, senza più bisogno dell’estetista.